Twitter Facebook Google Plus LinkedIn RSS Feed Email

Cassino. Il viaggio di Roger Waters alla ricerca del padre.

sabato 30 marzo 2013

Nel cimitero di Cassino le tombe dei soldati polacchi, francesi, tedeschi, neozalendesi ed inglesi morti durante lo sbarco ad Anzio.

Il papà di Roger Waters è sepolto in questo cimitero, a Cassino, tra migliaia di tombe.

Sottotenente arruolato nei Royal Fusiliers, truppe d'elite che durante la guerra furono impegnate dal Pacifico alla Normandia.

Roger non sa nemmeno dove sia la tomba di suo padre, a cui ha dedicato alcuni tra i brani più belli, in bilico tra memoria, malinconico dolore e impegno antimilitarista.

Ad un emittente del luogo, Waters afferma che "il mio passato è anche il mio futuro". Quando si sparge la voce accorrono circa 200 fan, che lo guardano da lontano.

Arrivato in van, il cantante e bassista dei Pink Floyd ha intenzione di girare un video che non sarà pubblicato. Paroliere dell'intimismo e della solitudine, mai troppo a suo agio tra il pubblico, sulle prime si schermisce. Si «scioglie» solo quando qualcuno gli regala la sciarpa del Cassino calcio, conoscendo la sua debolezza per i gunners dell'Arsenal.

Quando s'allontana volta lo sguardo verso il cimitero e la tomba del sottotenente dei Fusiliers caduto ad Anzio per liberare l'Italia sembrerà piu' vicina al suo cuore.


Redazione

0 commenti:

Posta un commento

 
Copyright © -2012 Full Politic All Rights Reserved | Template Design by Federico Stentella (Sondaitalia) | INFOGRAFIE.COM