Twitter Facebook Google Plus LinkedIn RSS Feed Email

Cipro stretta tra crisi economica e russi."Who next? Spain or Italy?"

mercoledì 20 marzo 2013

La Ue spinge per i prelievi forzati dalle banche(10%). I russi, che hanno investito nell'isola 32 miliardi di euro, provano un salvataggio.

Una morsa che stringe e spinge, con una forza inaudita, la piccola Cipro. Da un lato le pressioni di Berlino, contraria tout court al “no” coraggioso del parlamento cipriota alle misure di prelievi suiconti correnti dell’isola. Con indiscrezioni che vorrebbero al posto del dimissionario Sarrys alla guida del delicato ministero delle Finanze, Christopher Pissarides, cittadino cipriota e premio nobel per l’economia che insegna alla London School of Economics, un non filo russo. E dall’altro Gazprom e il governo di Mosca con cui il governo del merkeliano Anastasiades non ha trovato un accordo, dopo il vertice moscovita di questa mattina. Al termine del quale Vladimir Putin ha chiesto la presenza in tempi brevissimi a Mosca del Presidente della Repubblica di Cipro.

Intanto l’annunciato piano B per reperire comunque i 5,8 miliardi che Bruxelles chiede si delinea su una tripla direttrice: gestire la crisi finanziaria cipriota, proteggere la gran parte dei depositanti e mantenere a livelli sostenibili l’indebitamento del Paese. Almeno, queste sono le prime indiscrezioni sul piano annunciato ieri da un preoccupatissimo Anastasiadis.

Intanto sulle bandiere di portesta cipriote appaiono scritte che potrebbero riguardarci da vicino"Who next? Spain or Italy?"

Redazione

0 commenti:

Posta un commento

 
Copyright © -2012 Full Politic All Rights Reserved | Template Design by Federico Stentella (Sondaitalia) | INFOGRAFIE.COM