Twitter Facebook Google Plus LinkedIn RSS Feed Email

Il Presidente Istat, Giovannini:" Crisi peggiore dagli anni 30"

mercoledì 20 marzo 2013

Situazione economica e sociale ai limiti del collasso.

Il Presdinete Istat, Enrico Giovannini, parla dell'attuale momento economico e politico italiano:"Oggi siamo di fronte ad un paese in difficoltà che soffre una crisi economica più grave di quella degli Anni Trenta, che ha spinto le famiglie a ridurre drasticamente i consumi e l’insicurezza politica da questo punto di vista non aiuta”.

Il Futuro
“Un recupero trainato dalla domanda estera, nell’ordine dello zero virgola qualcosa, quindi insufficiente a far ridurre la disoccupazione in tempi brevi con un effetto sociale ritardato nel tempo”.

“Mi vengono in mente tre dati che parlano del momento. Ci sono tante imprese nel settore dell’esportazione che fanno fatturati addirittura superiori al periodo ante-crisi, significa che chi è preparato e ha saputo rinnovarsi può farcela, la crisi riguarda soprattutto chi si rivolge prevalentemente al mercato interno. C’è poi il dato che parla di più di 2 milioni di giovani che non studiano e non lavorano, una generazione preparata ma che teniamo in panchina e rappresenta una grave perdita di capitale umano. L’ultimo, altrettanto preoccupante è che il 44% dei giovani immigrati di seconda generazione non finiscono la scuola dell’obbligo (a fronte del 15% degli italiani) una perdita di capitale umano che può determinare problemi di lungo termine nella capacità del paese di creare ricchezza”.

Redazione

0 commenti:

Posta un commento

 
Copyright © -2012 Full Politic All Rights Reserved | Template Design by Federico Stentella (Sondaitalia) | INFOGRAFIE.COM