Twitter Facebook Google Plus LinkedIn RSS Feed Email

L'editoriale.Una conferma e una smentita: Grillo è incazzato, Bersani ha una strategia!

domenica 17 marzo 2013

L'ex Procuratore antimafia Piero Grasso è il nuovo Presidente del Senato. Dentro anche i voti di alcuni grillini.

Due dati escono dall'elezione di Piero Grasso alla Presidenza del Senato.
Il primo è che Bersani è capace di metter su una strategia politica, cosa di cui avevamo molto dubitato dopo le recenti elezioni politiche. 
Di fronte allo stallo dei Montiani nello scegliere una posizione sui candidati alla Camera, Bersani ha subito risposto(e anche questa è una notizia). Scegliendo la Boldrini, persona di alto profilo e sopratutto eletta nelle file di Sel: come a dire a Monti:"Se non volete fare passi verso di noi, facciamo noi passi verso Vendola".
E infatti nella seconda votazione, quella del Senato, la Scelta Civica per Monti ha votato, seppur non compattissima, per il nome dell'ex Procuratore antimafia.
Non solo: Bersani prende anche i voti della Lega Nord. Sarà l'effetto Grillo....

Ecco, il secondo spunto viene proprio dal Movimento5Stelle. Alcuni senatori hanno votato Grasso.
Fatto che ha scatenato l'ira di Grillo in due direzioni: la prima sul metodo di votazione, segreto. Non senza ragione il portavoce del M5S chiede un voto palese, perchè i parlamentari possano prendersi le proprie responsabilità di fronte ai cittadini che li hanno eletti.
La seconda, e prima o poi doveva accadere, sul primo spaccamento interno dei suoi.
E' un piccolo campanello di allarme.
Non si conoscono le ragioni per cui alcuni grillini hanno votato Grasso. Ma è facile pronosticare che da qui alla prossima legislatura qualcuno dal Movimento di Grillo si sposterà.
Non è uno scoop, è qualcosa che ci si aspettava, non bisogna drammatizzare, ma fa comunque male alla linea dura imposta da Grillo. Nell'acquario del parlamento gli squali iniziano a strizzare l'occhio ai nuovi arrivati.


Simone Lettieri

2 commenti:

  1. Quando Bersani in conferenza stampa ha tenuto a precisare che nessuno si sarebbe dovuto permettere di dire che andavano in giro a comprare voti ha voluto mettere le mani avanti perchè ne aveva già comprati diversi. Excusatio non petita....

    RispondiElimina
  2. Il dibattito all'interno del M5S è aperto. Certo è che chi è stato eletto con il Movimento ha accettato delle regole che oggi ha sbugiardato. Vendendo meno alla fiducia degli elettori cui deve rispondere.

    RispondiElimina

 
Copyright © -2012 Full Politic All Rights Reserved | Template Design by Federico Stentella (Sondaitalia) | INFOGRAFIE.COM