Twitter Facebook Google Plus LinkedIn RSS Feed Email

Editoriale. Giuseppe Civati è il nome nuovo del Pd?

sabato 27 aprile 2013

Si era già notato durante l'elezione del Presidente della Repubblica per la sua linea dura contro l'inciucio con Berlusconi, una posizione piu' orientata verso il M5S che verso la nomenklatura del suo partito. Aveva detto in diretta tv su La7 di non aver votato Marini, scatenando l'ira di  Fassina che da dietro che gli diceva ironicamente "bravo". Una posizione di coerenza e di rinnovamento verso i vertici del partito. Ora è giudicato un "dissidente", potrebbe essere espulso dal Pd. 

Le parole del Presidente dei Giovani deputati Pd, Giuseppe Civati, intervenuto telefonicamente a “Un giorno da pecora”, su Radio Due:“Mi fanno ridere quelli che nel Pd la settimana scorsa dicevano ‘mai al governissimo’ e ora lo votano. Questo è nello stesso tempo un governo Letta e un governo Berlusconi. Ma il principale azionista è il Cavaliere“. Sui ministri:" Brunetta al Lavoro sarebbe traumatico, Violante alla giustizia è scivoloso. Loro, D’Alema, Gelmini e Alfano sono la logica conseguenza della scelta di questo governo”. Riguardo alla notizia che potrebbe essere espulso a breve dal partito, Civati afferma che i dissidenti sono cinquanta, anche se quelli che si manifestano sono la metà. E ammette: “Dai toni che si usano mi sento già fuori dal Pd. Cosa faccio se mi cacciano? Non entro in nessun Gruppo Misto, al massimo resto a casa. Forse lascerei la carica di deputato. Farò una valutazione con chi mi ha eletto”. E aggiunge: “Se il Pd vota un governo con esponenti politici ‘ingombranti’, rischia di morire. In questo momento voto contro, poi vedremo”.

Ciò che non convince, ad esempio, della storia politica di Civati è l'appoggio a Ignazio Marino segretario del PD, di cui è stato coordinatore della campagna elettorale per le primarie nel 2009. Marino sarà con molta probabilità il prossimo sindaco di Roma, e non certo per meriti acquisiti, ma per la macchina organizzativa che si porta dietro e che dall'alto l'ha spinto a vincere le primarie a Roma.
Un Ignazio Marino che oggi tutto è tranne che in contrapposizione coi vertici del Pd.
Insomma, nei prossimi tempi sarà da stabilire se civati ha il carisma e la volontà per sgretolare la fuffa partitica o se sta giocando una partita per se stesso.

Simone Lettietri

0 commenti:

Posta un commento

 
Copyright © -2012 Full Politic All Rights Reserved | Template Design by Federico Stentella (Sondaitalia) | INFOGRAFIE.COM