Twitter Facebook Google Plus LinkedIn RSS Feed Email

Editoriale. Pd:La logica dei bambini.

domenica 21 aprile 2013

Il sentimento che sento è a metà tra rabbia e frustrazione.
La rabbia viene dell'indignazione sul comportamento dei politici, in particolare quelli del Pd.
La frustrazione dall'incapacità del popolo italiano di comprendere il momento storico e l'essenza dei parlamentari che hanno votato.
Provo a spiegarmi coni fatti.
Il Pd non vince le elezioni. Già questo in un paese normale avrebbe portato alle dimissioni del segretario.
Bersani non si dimette, chiama il M5S per costituire un governo: ma il M5S ha presentato un programma chiaro ai suoi elettori, e per questo è stato votato: no a PDL e PD - L.
Il messaggio è chiarissimo, eppure Grillo e i suoi vengono tacciati di irresponsabilità, perchè il paese è in difficoltà( per la responsabilità di chi? del M5S o di chi ha governato alternativamente negli ultimi 20 anni?).
Ai grillini viene anche addossata la responsabilità di non voler cacciare Berlusconi...si dice questo è il momento....si vedrà poi come queste sono bugie vere e proprie.
Già allora si sapeva qual era la verità, come il Pd ha sempre salvato(leggete la biografia politica di Violante, Napolitano,D'Alema e, per il futuro, quella di Renzi, spalleggiato da Gori) quello che poi nelle campagne elettorali e in parte dell'opinione pubblica è il nemico pubblico numero uno.
Si va avanti, il governo non si fa, si arriva all'elezione del Presidente della Repubblica.
Bersani propone Marini e abbraccia Berlusconi e Alfano. Questi sono i fatti su cui misurare la realtà.
Marini salta perchè il Pd è diviso(si vede che qualcuno ha ancora coscienza).
Il M5S propone Rodotà, nome che proviene dal Pd, e apre a un Governo col Partito Democratico.
La risposta che esce fuori oggi è questa, dopo l'elezione di Napolitano e il nome bruciato di Prodi:" Dovevate proporre qualcun'altro e far si che noi proponessimo Rodotà"(tra l'altro anche qui con divisioni grandi, visto che Maria Laura Rodotà denuncia che alcuni deputati del Pd la contattano per dissuadere il padre dalla candidatura).
Che si legge in queste righe? 
Una logica che nemmeno un bimbo incosciente, di fronte alla situazione sociale ed economica italiana, avrebbe adottato. "Siamo noi che dobbiamo apparire quelli che propongono il Presidente della Repubblica". "Noi non perdiamo mai".
Che dirvi, continuate a votare Pd, Pdl o Monti.
Intanto le persone si uccidono.
Intanto i poveri in Italia sono 4 milioni.
Forse tra 30 anni ammetterete che il Pd non è diverso dal Pdl. Anzi,come già detto, mentre Berlusconi ha il potere per  essere sfacciatamente corrotto, a sinistra non c'è nessuno con questo potere: quindi ci si presenta con la faccia della brava gente, per poi, nei fatti, fare tutto il contrario di quello che si promette.
Se non lo capite oggi, non lo capirete mai.
Sappiate però, che lo vogliate o no, che l'odio sociale si alimenta con questi atteggiamenti.

Simone Lettieri

0 commenti:

Posta un commento

 
Copyright © -2012 Full Politic All Rights Reserved | Template Design by Federico Stentella (Sondaitalia) | INFOGRAFIE.COM