Twitter Facebook Google Plus LinkedIn RSS Feed Email

Editoriale.Una generazione fuori dalla storia.

giovedì 25 aprile 2013

Se siamo riusciti a far passare l'occupazione USA come "Liberazione" il nostro spirito romantico e ottimista non dovrebbe farsi troppi problemi a chiamare questo inciucio  "Governissimo" . Forse la differenza sta nel fatto che il primo evento ce lo hanno raccontato mentre questo lo stiamo vivendo. Gli eventi passati sono sempre più affascinanti come le foto in bianco e nero rovinate e facili da romanzare  mentre il presente è più reale e freddo come il fullhd e ti puoi inventare poche cose.
Quella che per tutto il mondo è stata una guerra civile per noi è stata "Guerra di Liberazione". Siamo riusciti a far diventare eroi persone orrende come Togliatti che nel 1930 in occasione del XVI Congresso del Partito comunista dell'Unione Sovietica pronunciava le seguenti parole "è per me motivo di particolare orgoglio aver rinunciato alla cittadinanza italiana(l'avevamo proposto anche noi, ma in un articolo chiaramente provocatorio, ndr) perché come italiano mi sentivo un miserabile mandolinista e nulla più. Come cittadino sovietico sento di valere dieci volte più del migliore italiano" ma non riusciamo proprio  ad innamorarci dei nostri politici.
"Oggi sono triste perchè la mia nazione è in festa e probabilmente solo io non riesco a trovare un motivo di giubilo in questa ricorrenza".
Finche' non riusciremo a staccarci dalla contrapposizione ideologica tra destra e sinistra e non punteremo sulla buona amministrazione, come nei paesi scandinavi e anglosassoni, saremo sempre una generazione fuori dalla storia.
Nel 2013, col mondo globalizzato, non è piu' accettabile far riferimento per le proprie scelte politiche a qualcosa che è storia passata, ideologia.
Questa modalità trattiene in Parlamento l'attuale classe politica, e sposta l'attenzione dai fatti all'innamoramento platonico, ereditato dai nonni e dalle nonne.
L'affetto è un bene primario, la Cosa Pubblica anche di piu', perchè si riferisce al Bene Comunitario.
Usciamo dall''800 e dal '900 ed entriamo nel XXI secolo, solo chi vive il presente vive la realtà.

Federico Stentella.Simone Lettieri

0 commenti:

Posta un commento

 
Copyright © -2012 Full Politic All Rights Reserved | Template Design by Federico Stentella (Sondaitalia) | INFOGRAFIE.COM