Twitter Facebook Google Plus LinkedIn RSS Feed Email

Il paradosso dei rifiuti in Scandinavia. Di Valentina Russo.

giovedì 9 maggio 2013


È una storia senza fine quella dell’emergenza rifiuti in Italia, tornata alla ribalta in questi giorni con la deplorevole condizione in cui verte la città di Palermo, che riporta alla memoria il dramma vissuto nel 2011 dalla città di Napoli.  Città diversa, problema uguale: cumuli di spazzatura agli angoli delle strade, cassonetti bruciati come atto di protesta della cittadinanza, incapacità delle strutture ricettive di far fronte alla mole degli scarti quotidiani. Città del XXI secolo che devono far fronte a problemi medievali: topi, aria malsana, il pericolo del diffondersi di malattie infettive; tutto evoca immagini degne di un girone dantesco.
Tuttavia non sono casi isolati: la stessa capitale, Roma, ha il suo bel daffare con la chiusura della discarica di Malagrotta ed il tortuoso iter per trovare un nuovo sito di stoccaggio, che non le ha risparmiato, anche se in misura minore, i maleodoranti cassonetti stracolmi ed i cumuli di immondizia putrida agli angoli delle strade. Sembra un problema senza soluzione: in Italia produciamo più rifiuti di quanti siamo in grado di gestirne. Nel 2011, la città di Napoli per smaltire l’eccesso di rifiuti, ha dovuto pagare le città della Germania e dei Paesi Bassi che hanno accettato di riceverli.

Qualche decina di gradi di latitudine più a nord dell’Italia hanno, paradossalmente, il problema inverso. Troppi pochi rifiuti per alimentare la virtuosa catena di riciclaggio e riuso degli stessi, e si vedono costretti ad importarli!!! Siamo nel civilissimo Nord Europa, eldorado dell’efficienza, frontiera della tecnologia  e patria dell’ambientalismo.

Oslo, capitale della Norvegia, 1.400.000 abitanti: in città lo sfruttamento ottimale dei rifiuti va avanti dal 2010. L’efficiente e meticolosa separazione dei rifiuti organici ha permesso a Oslo di produrre biogas, che viene utilizzato, quale carburante ecologico, per molti autobus della città. Non solo, da diversi anni Oslo ha sviluppato un sistema che permette a circa la metà dei suoi edifici di essere riscaldati grazie all’energia prodotta dai rifiuti bruciati dagli inceneritori: si tratta per lo più di rifiuti domestici e industriali, ma anche di rifiuti tossici e nocivi provenienti da ospedali, nonché dalla droga sequestrata dalla polizia. Nella limitrofa Svezia, la musica è la medesima. Alcuni dati di interesse (fonte Eurostat2): solamente l’1% dei rifiuti urbani svedesi finisce nelle discariche, contro il 38% della media UE (e contro il 51% dell’Italia); il 36% dei rifiuti viene riciclato, ossia recuperato per ottenere nuovi prodotti, materiali o sostanze (la media UE è del 25%); il 14 % (contro il 15% della media UE) viene trasformato in compost, trattato cioè biologicamente e riutilizzato per esempio come fertilizzante. Il 49% dei rifiuti finisce invece negli inceneritori: si tratta del dato più alto in Europa, secondo solo alla Danimarca con il 54%, mentre la media UE è del 22%; questo 49% genera energia sufficiente a soddisfare il 20% del fabbisogno di calore dell’intero paese e fornisce elettricità a 250.000 abitazioni.

Iniziative lodevolissime che hanno prodotto un curioso ed imprevisto paradosso: lo sviluppo di queste tecnologie del riutilizzo dei rifiuti per scopi diversi ha determinato la singolare situazione in cui la domanda di rifiuti ha superato l’offerta. Ed è guerra aperta di confine per “rubarsi” i rifiuti!!!

Ad Oslo la produzione di rifiuti locale non è sufficiente da sola a far fronte alla domanda degli inceneritori della città, e di conseguenza dei servizi che da essi derivano. Per non dover ricorrere a combustibili fossili, Oslo importa immondizia dalla Gran Bretagna, ma anche dall’Irlanda e dalla Svezia. Anche in Svezia il problema è il medesimo: il programma di trattamento e riciclo dei rifiuti funziona talmente bene - la capacità degli inceneritori del paese è maggiore rispetto la quantità di rifiuti trattati (2 milioni di tonnellate all’anno!!!) - che il paese, per evitare che gli inceneritori diventino antieconomici, è costretto ad importare rifiuti dagli altri paesi europei: 800.000 tonnellate l’anno, anche dalla vicina Norvegia, dove i prezzi ancora elevati dell’incenerimento rendono il processo più redditizio in un altro paese.

Questa corsa al riuso dei rifiuti sta generando dei corto circuiti comportamentali, che pochi avrebbero potuto immaginare. Secondo quanto rilevato dal più antico gruppo ambientalista norvegese Amici della Terra1, da un punto di vista ambientale è un problema enorme. C’è pressione per produrre sempre più rifiuti, fintanto che si ha la possibilità di trattarli: in un’ipotetica gerarchia di obiettivi da raggiungere per il rispetto dell’ambiente, produrre meno rifiuti dovrebbe essere al primo posto, mentre generare energia dai rifiuti dovrebbe essere all’ultimo, mentre si sta assistendo all’esatto opposto: una corsa alla produzione con le ben note conseguenze, dato che siamo sommersi dai rifiuti derivanti dai processi produttivi!!!

Lo scenario che si sta profilando tuttavia è una riprova del valore di mercato sempre più importante dei rifiuti: valorizzali è una saggia scommessa; in un mondo in cui il prezzo dell’energia continua a salire, potremmo trovarci di fronte ad una carenza di carburante, ed i rifiuti rappresentano una valida alternativa. Nel breve periodo, la valorizzazione dell’energia ricavata dai rifiuti è una buona soluzione, mentre le conseguenze della sovrapproduzione per generare energia e/o calore dagli stessi sono demandate ai posteri. Anche questa è emergenza rifiuti!!



Valentina Russo




0 commenti:

Posta un commento

 
Copyright © -2012 Full Politic All Rights Reserved | Template Design by Federico Stentella (Sondaitalia) | INFOGRAFIE.COM