Twitter Facebook Google Plus LinkedIn RSS Feed Email

Economia: Argentina di nuovo in forte crisi.

martedì 9 luglio 2013

La crisi finanziaria argentina del 2001 ha colpito l’immaginazione degli italiani. Le dimensioni della crisi e i legami culturali fra i due Paesi hanno assicurato a questo episodio un’ampia copertura sui nostri mezzi di informazione. Così, oggi, nel dibattito italiano si moltiplicano i riferimenti all’esperienza argentina. Un’insistenza spiegata anche da un’ovvia analogia: l’aggancio del peso al dollaro, sperimentato dall’Argentina negli anni 90, ricorda molto quello della lira al marco, realizzato entrando nell’euro. Da una parte abbiamo quelli che, come Letta, ripetono che l’euro ci ha difeso da una crisi “di tipo argentino”. Dall’altra quelli che, come Nouriel Roubini, fin dal 2006 avevano chiarito che l’entrata nell’euro esponeva l’Italia agli stessi rischi corsi dall’Argentina agganciandosi al dollaro: perdita di competitività, accumulo di debito estero, rischio di default.

Quest’ultimo punto di vista è confortato dai dati. Dopo lo sganciamento dal dollaro, superato un anno di crisi, l’Argentina è ripartita crescendo a una media di oltre l’8 per cento dal 2003 al 2007 e riducendo di oltre 10 punti il tasso di disoccupazione. D’altra parte, la notizia che oggi l’Argentina sarebbe sull’orlo di una nuova crisi finanziaria è accolta con cinica soddisfazione da quelli che “l’euro ci ha salvato”, i quali concludono, in modo sbrigativo, che sganciarsi da una moneta troppo forte non risolve i problemi, e quindi l’Italia deve restare nell’euro. Il fatto che l’Argentina oggi sia in crisi non dimostra che dodici anni or sono dovesse restare legata al dollaro. Ma c’è di più: i dati mostrano che i problemi odierni dell’Argentina sono ancora una volta causati dall’adozione di un tasso di cambio eccessivamente forte.

Redazione

1 commento:

  1. Purtroppo quando si scrive un articolo si deve conoscere il tema di cui si parla. Non c'è paragone tra l'Argentina del 2011 e l'Italia di oggi. L'Argentina era legata a una parità di cambio mentre l'intera Europa ha fatto una riconversione di ogni moneta. Sono cose assolutamente diverse quissà il risultado finale possa essere o no diverso. L'unica cosa in comune è l'enorme debito che accomunava ad entrambi paesi, Argentina è riuscita a dimezzarlo parecchio con il default cosa che l'Italia non può fare

    RispondiElimina

 
Copyright © -2012 Full Politic All Rights Reserved | Template Design by Federico Stentella (Sondaitalia) | INFOGRAFIE.COM