Twitter Facebook Google Plus LinkedIn RSS Feed Email

Tutti indignati. Solita ipocrisia italiana. Per cambiare serve la tragedia da 200 morti. Lo stadio è duty free per i criminali.

domenica 4 maggio 2014

Quanta ipocrisia.
Un'ultra? tifoso della Roma, ma poteva essere di qualsiasi altra squadra, quasi uccide un'ultra? tifoso del Napoli.

Per decidere se giocare bisogna chiedere il permesso a un camorrista che inneggia libertà per chi uccise Filippo Raciti, poliziotto morto durante Catania-Palermo.

Ma dov'è la notizia?
Gli spari?
Io credo la notizia sia l'indignazione ipocrita della gente che si accorge che questi personaggi, criminali, pregiudicati, vicini alla politica per se stessi e il proprio gruppetto(lavoro e soldi), e per i voti che possono spostare, siano criminali solo se si spara.

Questi vermi che tolgono il gioco del calcio a famiglie e bambini sono li sempre, sono tutto ciò che non c'entra niente col calcio e con lo sport.
Ogni domenica. 
Da vent'anni, con vari cambi al vertice del potere.

Il calcio è un fenomeno sociale, muove milioni di persone.
All'estero ci sono volute tragedie immani(vedi Inghilterra), per regolamentare il tutto.

Di che vi indignate? Di quello che succede ogni domenica?
Del fatto che se non volete bombardare di bestemmie e spinelli i vostri figli dovete spendere qualcosina di piu' per non andare in curva?

Del fatto che c'è gente adulta che "odia le guardie e difende gli ultras"?

Aspettiamo la tragedia da 200 morti. Questo Paese ha già dimostrato, tramite le Sue istituzioni, che un morto non cambierà mai le cose.

E che per i delinquenti il tifo è duty free dalle leggi. Perchè conviene. Perchè il q.i medio di chi difende questi personaggi è quello di un bullo di scuola media. Perchè alla politica fa comodo cosi'.

Simone Lettieri

0 commenti:

Posta un commento

 
Copyright © -2012 Full Politic All Rights Reserved | Template Design by Federico Stentella (Sondaitalia) | INFOGRAFIE.COM