Twitter Facebook Google Plus LinkedIn RSS Feed Email

Goldman Sachs: crollo del Pil in Usa ed Europa, poi ripresa sostenuta

martedì 31 marzo 2020


Secondo Goldman Sachs, negli Usa ci sarà un crollo del prodotto interno del 34% nel secondo trimestre, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Dieci punti percentuali di Pil in meno rispetto alla previsione di appena una settimana fa: gli economisti “ora si aspettano un calo su base annua del 34% negli Stati Uniti e di oltre il 40% in Europa“, visto che oltre il 90% delle economie mondiali sono bloccate. Il tasso di disoccupazione negli Usa è atteso al 15% entro la metà dell’anno, ben oltre il 9% delle precedenti stime.
Ma c’è anche una buona notizia: secondo Goldman Sachs, il crollo sarà seguito da una ripresa sostenuta, con il pil in crescita del 19% già nel terzo trimestre. Il report sottolinea anche come ci siano “segnali incoraggianti” in arrivo dalla Cina e da alcuni paesi dove la produzione e la domanda si stanno riprendendo. Inoltre, “anche dal punto di vista politico, ci sono motivi di incoraggiamento” visto che “il sostegno sia della politica monetaria che dello stimolo fiscale è stato notevole sia per dimensioni che per rapidità”.

0 commenti:

Posta un commento

 
Copyright © -2012 Full Politic All Rights Reserved | Template Design by Federico Stentella (Sondaitalia) | INFOGRAFIE.COM