Twitter Facebook Google Plus LinkedIn RSS Feed Email

Renzi: riapriamo tutte le fabbriche, le scuole a maggio. Gli scienziati:"Folle"

sabato 28 marzo 2020



Destano scalpore le parole dell'ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi:"Riapriamo tutte le fabbriche ora, le scuole da maggio". Il senso dell'intervento di Renzi è che con la serrata generale i problemi economici saranno devastanti. Non che non sia vero, così' com'è vero che gli scienziati defiscono l'intervento di Renzi folle.
Sopratutto perché con le misure evocate dall'ex premier, il rischio del prolungamento della pandemia sarebbe certo, con un danno all'economia ancora più grande.
Parole inappropriate in  un momento inappropriato.

Uno stralcio dell'intervista di Renzi all'Avvenire:

“Questo virus ci farà ancora male. Non per settimane, per mesi e mesi. Il vaccino non c’è e se andrà bene torneremo ad abbracciarci tra un anno, se andrà male tra due…”, esordisce Renzi nell’intervista al quotidiano cattolico e invita a non aspettare “che tutto passi” perché “se restiamo chiusi la gente morirà di fame”. Insomma, a suo avviso, con il coronavirus bisogna “convivere” e quindi “consentire che la vita riprenda” e “bisogna consentirlo ora”.

“Sono tre settimane – dice l’ex premier – che l’ Italia è chiusa e c’è gente che non ce la fa più. Non ha più soldi, non ha più da mangiare. I tentacoli dell’usura si stanno allungando minacciosi, specialmente al Sud. Senza soldi vincerà la disperazione. Serve attenzione, serve gradualità, serve il rispetto della distanza. Ma bisogna riaprire”. L’Italia “non può restare ibernata per un altro mese” perché “così si accende la rivolta sociale”, per questo “le istituzioni devono agire senza perdere nemmeno un giorno”.

0 commenti:

Posta un commento

 
Copyright © -2012 Full Politic All Rights Reserved | Template Design by Federico Stentella (Sondaitalia) | INFOGRAFIE.COM